.:: Music Story ::.

La passione per la musica lo accompagna praticamente da quando è nato, dal momento che è figlio di un musicista, ma è dalla metà degli anni ‘60 che la pratica imbracciando una chitarra da autodidatta esibendosi fino alla seconda metà degli anni ‘70 in numerosi gruppi ferraresi frà i quali gli “Ever Beat”, “I Bardi”, “Le Stagioni”, “Capitolo Sesto” e “Circuito Stampato”.


.:: Capitolo VI°, 1971 ::.

Attraversa tutti i generi musicali che in quel lungo periodo nascono : il Beat, Rhythm & Blues, Funky, Fusion, Rock Progressivo. In pratica Beatles, Rolling Stones, Wilson Pickett, Otis Redding, Rufus Thomas, James Brown, Sly and the Family Stone, Blood Sweat & Tears, Chicago e tanti altri. Nonostante non si sia mai considerato un virtuoso della  chitarra resta il fatto che tutti questi generi eseguiti e vissuti in prima persona lo hanno portato ad una conoscenza ed una competenza su una musica della seconda metà del ‘900 non indifferente.


.:: Misure Anticrisi, Roberto Vecchi, 1980 ::.

Chiude la propria esperienza nel 1977 di fronte all’ avvento della Disco Music ed ai suoi nuovi protagonisti:  i disk-jockey. Interrompe così per 3 anni le sue esibizioni per non esserci ad ogni costo, eventualmente come musicista di liscio come diversi suoi colleghi.  Tre anni però sono lunghi lontano dalla grande passione e nel 1980 riprende ad esibirsi privilegiando progetti particolari ed in gran parte personali. Coglie l’occasione di entrare nel progetto “Misure anticrisi” di Roberto Vecchi, cantante e compositore di grande talento oltre che futuro produttore discografico. Il progetto sfocia in un concerto che a Ferrara, e non solo, fa storia.

Da questo momento elabora e procede alla realizzazione di proprie idee che portano negli anni successivi alla nascita della band “Bistrò and Friends” e poco più in là alla creazione della Etichetta indipendente “Musicando”.

I I “Bistrò And Friends” (foto) sono un gruppo formato da un nucleo centrale di tre musicisti, lo stesso Bertelli, Franco Taddia alle percussioni e Meri Rinaldi alla voce solista, e da un gran numero di collaboratori di grande valore, molti dei quali giovanissimi. Frà i musicisti che accompagnano la band in ben tre uscite discografiche e diversi concerti si alternano Marco Bovi e Nico Marziliano alle chitarre,  Sergio Castellari, Adriano Brunelli, Paolo Piccoli e Leo Scarpante al basso, Gianluca Taglietti, Renato Droghetti e Alessandro Scarpante alle tastiere, Paolo Cazzanti, Roberto Blanzieri e Stefano Peretto alla batteria e per finire in bellezza, in alcune tracce registrate, l’ indimenticabile ed indimenticato Antonio D’ Adamo all’ armonica ed il grande Ellade Bandini alla batteria. E’ l’ anno, 1990, dell’ uscita di “Doppia Faccia” prodotto insieme al quotidiano “La Nuova Ferrara” e distribuito gratuitamente in più di 10.000 copie insieme al giornale nell’ aniversario del suo primo anno di vita. E’ in pratica una musicassetta, funzionale per il tipo di operazione, con brani inediti di Bertelli ed altri componenti della band che si muovono in un genere fusion funky di buon livello e magistralmente eseguiti..


La “Musicando” è qualcosa di più, anzi è molto di più e basta guardare su internet i centinaia di siti che parlano delle sue produzioni per rendersene conto.
Contemporaneamente alla sua attività di produttore Paolo riesce finalmente a portare alla stampa un suo progetto sonoro al quale lavora da tempo : “Una Sroria Del Prometeo” collage sonoro per mimo. E’ questo un lavoro di avanguardia nel quale l’ autore esprime e fonde un po’ tutte le sue esperienze musicali e ciò che ne esce è una fusione estrema di suoni, ma mai fini a se stessi. Diversi critici apprezzano questo suo esperimento e il suo Prometeo entra in uno dei più importanti cataloghi di musica d’ Avanguardia mondiale (SOUND OHM) insieme ai più importanti musicisti di questo settore.
Leggi recensioni:  Arlequins     Francesco Fabbri


.:: Free Session con Rodolfo Maltese e Tetes Bois. Ferrara Buskers Festivals 1995 ::.

La musica sperimentale tutt’ oggi è una delle massime passioni artistiche di questo personaggio che continua a mantenere lo spirito della ricerca ma nello stesso tempo,  e con grande passione, ama anche esprimersi in numerose jamsession ed esibizioni legate al vecchio blues con la propria armonica, strumento che frequenta da più di dieci anni e che gli dà forme diverse di espressione. Si esibisce con tantissimi musicisti, spesso sempre diversi, anche in apparizioni televisive. E’ il fascino, come ama dire, di far parte volta per volta di esibizioni mai scontate che ti mettono nella dimensione di essere contemporaneamente esecutore e spettatore. Non a caso da’ vita, ma questa è storia di oggi, al “Musicando Blues Project” con l’ amico chitarrista e cantante Riccardo “Rico” Pareschi, altro gruppo aperto, volta per volta, a diversi collaboratori.

La chiusura nel 2001, ma non la fine, della “Musicando”, pur dopo avere affidato a distributori amici i prodotti più significativi della stessa, è un evento vissuto a malincuore ma è un passo obbligato che comunque non lo frena ad elaborare sempre nuovi progetti.


.:: Buskers Festivals 2005 - Ferrara ::.

Come consigliere circoscrizionale del Comune di Ferrara inventa e cura alcune manifestazioni musicali che si tengono sempre a Ferrara in luogni prestigiosi come il Cortile della Casa di Ludovico Ariosto e il Chiostro di S, Maria della Consolazione. Nell’ ordine le manifestazioni sono “Alla Periferia Dell’ Impero”, nome preso in prestito dal grande Mino De Martino, giunta al sesto anno di vita e “ Night and Blues” alla sua quarta edizione. Molti musicisti, ben più di 50, hanno avuto modo di esibirsi in questi anni in quegli spazi e frà essi Ares Tavolazzi, Antonio Marangolo, Paolo Bonfanti, Roberto Manuzzi, Tom Sherret, Roberto Formignani,  Alessandro Fariselli, Riccardo “Stuli” Manzoli, Adriano Brunelli, Stefano Peretto, Luigi Sidero, Alfonso e Daniele Santimone, Antonio Cavicchi, Giorgio Cavalli, Leo Carboni, Meri Rinaldi Teo Ciavarella, Flavio Piscopo e tanti tanti altri,..... e scusate se è poco, come diceva il grande Totò.